Nuova batteria Alluminio-Aria che si ricarica ad acqua

La tecnologia riesce a fare passi da gigante giorno dopo giorno in qualsiasi ambito, in questo post vi descriviamo un grandissimo ed eccezionale passo avanti nel campo della tecnologia: la nuova batteria Alluminio-Aria che si ricarica ad acqua.

Fino ad oggi ne avevamo sentite tantissime sulle batterie e sulle nuove tecnologie, non ultima quella sulle batterie al grafene, ma quella sulla batteria Alluminio-Aria che si ricarica ad acqua ancora no.

Non è fantascienza, tantomeno un sogno, è pura realtà la nuova batteria Alluminio-Aria che si ricarica ad acqua e nasce grazie all’azienda Fuji Pigment che sta sperimentando ormai da tempo questa nuova batteria alluminio-aria per sostituire le attuali e “poco” performanti batterie agli ioni di litio che devono essere ricaricate sempre.

batteria alluminio-aria

Secondo la Fuji, la nuova batteria alluminio-aria che si ricarica ad acqua può durare fino a 2 settimane e la sua ricarica ad acqua la renderebbe molto economica!

Ci sono però purtroppo delle “difficoltà” di costruzione per la batteria alluminio-aria che si ricarica ad acqua per via della rapida degradazione dell’anodo della batteria.

Per chi non lo sapesse, una normale batteria è formata principalmente da anodo e catodo e l’anodo è molto importante per fornire il carico elettrico, ma se dovesse degradarsi molto facilmente, potrebbe voler dire che questo genere di batterie di nuova generazione potranno esaurirsi in molto poco tempo per via di questa “piccola imperfezione”.

Fuji Pigment sta approfondendo sempre più lo studio di queste batterie di nuova generazione cercando di rendere meno ossidabile al contatto con l’ossigeno l’alluminio dell’anodo della batteria alluminio-aria.

Questo nuovo tipo di batterie purtroppo non possiamo vederle sul mercato prima di almeno altri 5 anni perché sono in fase sperimentale, utilizzate ancora solo per usi militari.

Nonostante la fase sperimentale della batteria alluminio-aria e le scarse informazioni relative a prezzo e peso (che per il momento dovrebbe essere più di 1Kg), stiamo assistendo ad un grande passo avanti della tecnologia e ne siamo fieri ed orgogliosi di poterne assistere quasi “dal vivo” e portarvene sviluppi giorno dopo giorno tramite il nostro blog di Tecnologia, è per questo motivo che vi invitiamo a continuare a seguire AmaTech anche attraverso la pagina Facebook ufficiale per non perdervi nessun’altra news relativa alla nuova batteria alluminio-aria che si ricarica ad acqua.

About Andrea

Check Also

offerte del Black Friday Amazon

App Cerca Sconti per seguire tutte le offerte del Black Friday Amazon

App Cerca Sconti per seguire tutte le offerte del Black Friday Amazon

2 commenti

  1. Dunque, se ho ben capito le batterie alluminio/aria necessitano di un anodo in alluminio che si ossida quindi si consuma e di un elettrolita formato da acqua salata che si inquina di ossido d’alluminio perdendo man mano capacita’ conduttiva….se avessimo una batteria che ripulisca con filtro l’elettrolita (circuito chiuso) o che fosse ad acqua che scorre e si rinnova continuamente, e poi avessimo la possibilità di cambiare (sostituire) l’anodo usurato con un foglietto o pastiglia di alluminio (avendone alcune di scorta come “carburante” ) non avremmo risolto il problema della suddetta batteria di ogni tipo di ricarica elettrica ?…mi piacerebbe avere accumulatori di questo tipo..se possibile..chi potesse darmi pareri o chiarimenti in merito..e’ piu’ che ben accetto e non esiti a contattarmi.
    Daniele B.
    dbstudioro@gmail.com

    • Il discorso è veramente chiaro, lineare e credo proprio fattibile, il “problema” è che personalmente non conosco chi possa darti un aiuto o chiarimenti tecnici in merito, una cosa è certa: l’articolo è stato molto gettonato e pian piano sta crescendo anche in termini di visualizzazioni per cui ti consiglio di portare pazienza, sicuramente qualcuno ti risponderà! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *