Usare Continuity su Mac non supportati

Un’ottima notizia per i possessori di Mac prodotti prima del 2012: è possibile usare Continuity su Mac non supportati, vediamo insieme com’è possibile farlo..

Tra le grandi novità che Apple ha introdotto con Mac OS X Yosemite, ci sono Continuity ed Handoff che consentono la piena integrazione tra iOS ed iOS in modo tale da iniziare un lavoro da Mac e finirlo da iPhone o iPad, ad esempio, e viceversa.

usare continuity su mac non supportati

Queste funzioni introdotte con OS X Yosemite, non sono sfruttabili da tutti gli utenti e tutti i Mac purtroppo, perché richiedono il bluetooth 4.0 che i “vecchi” Mac non hanno ma pare sia stato trovato un modo per aggirare l’ostacolo e usare Continuity su Mac non supportati.

Per poter usare Continuity ed Handoff è necessario avere un Mac che sia stato prodotto dal 2012 in poi, qualsiasi, che sia un MacBook Pro, un MacBook Air, un MacBook Pro Retina, un iMac o un Mac Mini, l’importante è che sia stato prodotto dal 2012 in poi per poter usare Continuity nativo, ma grazie ad un progetto disponibile su Github sarà possibile usare Continuity su Mac non supportati!

Questo tool è stato sviluppato in modo tale che lavori a livello di sistema per cui è necessaria la massima cautela quando lo si utilizza e per alcuni modelli è richiesta l’installazione di parti hardware aggiuntive.

Questi sono i Mac compatibili con questo tipo di tool che consente di usare Continuity su Mac non supportati:usare Continuity su Mac non supportatiPer dare un’occhiata al tool in questione vi consiglio di visitare il sito ufficiale in cui troverete anche le istruzioni per usare Continuity su Mac non supportati, tutto in lingua inglese e tutto ancora NON testato da noi di Amatech.

Appena testeremo questo nuovo tool scriveremo per voi una delle nostre guide Amatech.

About Andrea

Check Also

offerte del Black Friday Amazon

App Cerca Sconti per seguire tutte le offerte del Black Friday Amazon

App Cerca Sconti per seguire tutte le offerte del Black Friday Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *